ANAREAI

Il nuovo punto di riferimento per 26 razze equine e asinine italiane

Cavallo Bardigiano

ANAREAI ne gestisce il Libro Genealogico dal 1 gennaio 2022, realizzando i Programmi Genetici approvati dal MIPAAF.

Cavallo Lipizzano

ANAREAI ne gestisce il Libro Genealogico dal 1 gennaio 2022, realizzando i Programmi Genetici approvati dal MIPAAF.

Razze a Limitata Diffusione

Comprendente 17 razze equine (Cavallino di Monterufoli, Cavallino della Giara, Cavallo Appenninico, Cavallo del Catria, Cavallo del Ventasso, Cavallo Delta, Cavallo Pentro, Cavallo Romano della Maremma Laziale, Cavallo Sarcidano, Knabstrupper, Merens, Napoletano, Persano, Pony di Esperia, Salernitano, Sanfratellano, Tolfetano) e 7 razze asinine (Asino dell'Amiata, Asino dell'Asinara, Asino Pantesco, Asino Ragusano, Asino Romagnolo, Asino Sardo, Asino Viterbese). ANAREAI ne gestisce il Libro Genealogico dal 1 gennaio 2022, realizzando i Programmi Genetici approvati dal MIPAAF.

Si terrà venerdì 26 novembre 2021 dalle ore 11.00 alle ore 13.00 alla Masseria Galeone, Centro di Selezione Equestre del Reparto Carabinieri Biodiversità a Martina Franca (Ta) il convegno dal titolo “Valutazione delle risorse genetiche del Cavallo di razza Murgese”. La giornata è organizzata da ANAREAI con la fondamentale collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari.

Per l’occasione i vertici dell’Arma, i Generali a capo del CUFAA, la Direzione Veterinaria ed il Reparto Carabinieri Biodiversità, illustreranno le strategie e le iniziative attuate per la valorizzazione e la diffusione delle razze equine italiane intraprese a livello nazionale; a seguire, i Dipartimenti di Medicina veterinaria delle Università degli studi di Perugia e Parma tratteranno le metodiche scientifiche di valutazione della diversità genetica della razza Murgese, illustrando le attività di ricerca attuate per il progetto Equinbio.2 realizzato da ANAREAI nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale Nazionale - Sottomisura 10.2, delle quali si potrà avere una dimostrazione pratica la mattina stessa dalle ore 9.00 alle ore 11.00 prima dell’avvio del convegno.

A partire quindi dalle ore 9.00, presso il campo prova esterno della Masseria Galeone, verranno svolte le valutazioni finali sui 5 soggetti di razza Murgese del Reparto Carabinieri Biodiversità posti in lavoro in stazione di prova ad ambiente controllato: i 5 cavalli saranno valutati tecnicamente in risposta all’addestramento a cui sono stati sottoposti, eseguendo una ripresa di lavoro in piano; contemporaneamente, i tecnici delle Università sopra citate coadiuvati da strumentazione tecnica, effettueranno test per la rilevazione oggettiva di parametri sul movimento e le andature dei cavalli. Scopo di tali test è l’analisi delle possibili correlazioni derivanti dall’incrocio dei dati fenotipici rilevati con i risultati delle analisi genomiche svolte sui soggetti stessi, con l’obiettivo finale la produzione di indici ed indicatori aggregati utilizzabili per la selezione genetica.

Al termine di queste prove in campo, dalle ore 11.00 nella sala riunioni della Masseria Galeone si terrà la parte convegnistica, che come da programma avrà inizio con i saluti istituzionali del Generale del Corpo d’Armata Antonio Pietro Marzo Comandante del CUFAA e dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Puglia Donato Pentassuglia. Seguiranno gli interventi, moderati dal Presidente ANAREAI Luca Marcora, del Generale Davide De Laurentis, Vice Comandante del CUFAA, del Colonnello Carlo Alberto Minniti, Direttore della Direzione Veterinaria dell’Arma dei Carabinieri e del Tenente Colonnello Giovanni Notarnicola, Comandante del Centro di Selezione Equestre Carabinieri di Martina Franca, sede del convegno.

Chiuderanno gli interventi le presentazioni a carattere tecnico-scientifico delle attività svolte, dapprima introdotte dal Prof. Maurizio Silvestrelli e dal Prof. Alberto Sabbioni, rispettivamente del Centro Studi del Cavallo Sportivo – Università degli studi di Perugia e del Dipartimento di scienze medico-veterinarie dell’Università degli studi di Parma, successivamente illustrate dai Ricercatori delle due Università, Stefano Capomaccio, Michela Ablondi e Vittoria Asti.

Il convegno è destinato alle istituzioni locali e nazionali, agli allevatori ed agli appassionati della razza Murgese e non, agli addetti ed agli operatori del settore equestre, alla stampa ed all’informazione web di settore, alle Università e agli istituti di ricerca, agli istituti scolastici agrari locali.

La partecipazione al convegno è libera e gratuita. L'accesso alla Masseria Galeone sede del Convegno sarà subordinata al numero di accessi disponibili nel rispetto delle disposizioni anti-Covid vigenti al momento.

Per informazioni: